Migliarino di Pallas  (Emberiza pallasi), juv, Linosa , 15 Ottobre 2017. Primo avvistamento in Italia (photo by CIRO AMATA)

DUE NUOVE SPECIE PER L’ITALIA IN UNDICI MITICI GIORNI – IL BIRDWATCHING TEAM MISC ED IL LEICA NOCTIVID 10X42

Andrea Corso & C vivono la loro migliore esperienza di sempre a Linosa, e trovano due specie mai viste prima in Italia. Ecco il reportage di Andrea, con la solita competenza e il solito, coinvolgente entusiasmo.

LINOSA, la densa vegetazione che la ricopre completamente da una costa all’altra rende particolarmente difficile trovare gli uccelli rari

LINOSA, la densa vegetazione che la ricopre completamente da una costa all’altra rende particolarmente difficile trovare gli uccelli rari

Linosa, una nera piccola isola vulcanica persa nel Canale Sicilia meridionale. Localizzata a una distanza uguale da Nord Africa e Sicilia meridionale, è una delle tre isole dell’arcipelago delle Pelagie, insieme a Lampedusa e Lampione (entrambe le isole di pietra calcarea del plateau africano). È nera, è verde per la macchia mediterranea che la ricopre, è veramente isolata e scarsamente popolata (circa 350-400 persone) … ed è il sito di birdwatching migliore in Italia e tra i migliori in tutto il Mediterraneo se si desidera trovare uccelli rari, accidentali o migratori irregolari: provenienti dalla Siberia, dal Nord Africa, dall’Asia occidentale o persino orientale (es. Mongolia), dalla Penisola Iberica o dall’Europa settentrionale. Questo è il motivo per cui una piccola “cricca” di birdwatchers appassionati e devoti che amano anche l’isolamento, il silenzio e la pace, auto-denominatosi MISC (Malati di Isolitudine allo Stadio Cronico), visitano Linosa ogni anno dal 2007: Ottavio Janni, Miki Viganò, Hans Larsson, Igor Maiorano, Lucio Maniscalco, Raimondo Finati ed il sottoscritto, Andrea Corso. Durante questi undici anni abbiamo documentato uccelli rari più di chiunque altro nella storia dell’ornitologia italiana e probabilmente di chiunque nel bacino del Mediterraneo, così come a seguito delle nostre osservazioni, lo status e la fenologia di diverse specie è stato completamente ridefinito –  Luì forestiero, Zigolo minore, Pigliamosche pettirosso, Prispolone indiano, Codirosso algerino, e via dicendo, un tempo ritenuti accidentali in Italia oggi invece considerati migratori regolari, sebbene con contingenti molti limitati. Ma la stagione migliore di sempre è stata (ed è ancora mentre scrivo trovandomi ancora a Linosa col MISC) l’Autunno 2017. Durante undici giorni storici, dal 15 al 26 ottobre, abbiamo trovato due nuovi uccelli per l’Italia: un Migliarino di Pallas (ancora in piumaggio giovanile) ed un Calandro di Blyth. Entrambi non sono mai stati documentati prima nel nostro paese, ed entrambi sono estremamente difficili da identificare sul campo.

Dovremmo infatti parlare di tenui tonalità di rosa o di brunastro e di crema-isabella … questo fa la differenza, questo li differenzia dalle specie più vicine e ben più frequenti, Migliarino di palude e Calandro maggiore. Quando dovete essere certi in pochi, vitali e frenetici secondi dell’esatta colorazione di una piccola mandibola inferiore, o il fine dettaglio della forma di un sopracciglio e la tenue sfumatura di crema sui fianchi e sul ventre, allora hai solo bisogno del miglior binocolo sul mercato: il LEICA NOCTIVID 10×42. E sono stato più che felice di essere così fortunato di averne uno in mano quando ho inizialmente individuato il Migliarino di Pallas, per controllare velocemente e senza esitazione, anche se praticamente in preda al panico, il colore della piccola mandibola inferiore dello zigolo. Attraverso la lente del Noctivid, senza alcuna aberrazione di colore e nella migliore nitidezza possibile, una splendida tonalità rosa carnicino era chiaramente visibile – SIIIIIIIII ! E’ lui !! E il verso di volo lo confermava immediatamente, un sogno che diventa realtà. Poi, una volta calmato, con il supporto di tutta la squadra del MISC, abbiamo controllato il colore delle piccole copritrici sopra alari, non castano intenso ma marroncino spento, poi la forma della mandibola superiore, poi son seguite le fotografie e le registrazioni sonore. Leica  – essenziale, gioco di squadra – cruciale, cooperazione e condivisione – vitale. La settima segnalazione nota per l’Europa e per il Paleartico occidentale (al di fuori della zona di riproduzione più occidentale in Russia), e solo il secondo in piumaggio giovanile.

Migliarino di Pallas (Emberiza pallasi), juv, Linosa , 15 Ottobre 2017. Primo avvistamento in Italia (photo by CIRO AMATA)

Migliarino di Pallas (Emberiza pallasi), juv, Linosa , 15 Ottobre 2017. Primo avvistamento in Italia (photo by CIRO AMATA)

Migliarino di Pallas (Emberiza pallasi), juv, Linosa , 15 Ottobre 2017. Primo avvistamento in Italia (photo by CIRO AMATA)

Migliarino di Pallas (Emberiza pallasi), juv, Linosa , 15 Ottobre 2017. Primo avvistamento in Italia (photo by CIRO AMATA)

Undici giorni dopo, mentre camminavamo tutti insieme, osserviamo in un campo un Anthus sp. di media-grande dimensione, bene eretto come postura ma quasi totalmente nascosto da un’erba fitta e alta: ancora una volta, Leica Noctivid pronto, controlli rapidi della forma e del colore del sopracciglio, i primi dubbi … potrebbe essere o non è possibile? È davvero un Calandro maggiore un po’ strano, o, piuttosto, un’altra prima segnalazione per l’Italia ben inquadrato dai nostri binocoli Leica? Per favore, esci allo scoperto, dai, ti preghiamo, mostraci le tue copritrici alari mediane, il colore dei fianchi e delle parti inferiori, la forma del sopracciglio dietro l’occhio, la struttura del becco e … e … SIIIIIII! Le parti inferiori sono uniformemente “cremose”, delicatamente tinte di color albicocca-isabella, nessuna aberrazione di colore nell’immagine fornita dai nostri Noctivid ne rende sicura l’interpretazione (alcuni seppur ottimi binocoli notoriamente hanno aberrazione giallastra!).  Il mantello poi è striato di scuro in modo regolare e netto, come lo è il vertice, il sopracciglio dietro l’occhio si restringe, il becco è leggero, appuntito e non massiccio, quasi “tordesco” come quello di un Calandro maggiore. Ragazzi, foto a raffica, continuate, vai con le registrazioni  dei versi, il MISC colpisce di nuovo, e Leica ci aiuta! Grazie Leica !! Una leggenda dell’ottica per dei birdwatchers “leggendari”.

Photo 2- Calandro di Blyth (Anthus godlewskii) juv, Linosa, 26 Ottobre 2017. Primo avvistamento in Italia (photo by IGOR MAIORANO)

Calandro di Blyth (Anthus godlewskii) juv, Linosa, 26 Ottobre 2017. Primo avvistamento in Italia (photo by IGOR MAIORANO)

Little Bunting (Emberiza pusilla), Linosa, Ottobre 2017. Uno dei 9-12 avvistati nel 2017 a Linosa dal birding team MISC, il miglior risultato di sempre in Italia e per un singolo sito nel Mediterraneo (photo by CIRO AMATA). Una specie rara e che viene osservata solo occasionalmente sul campo in Italia, Linosa è l'unico luogo in cui viene avvistata annualmente.

Zigolo Minore (Emberiza pusilla), Linosa, Ottobre 2017. Uno dei 9-12 avvistati nel 2017 a Linosa dal birding team MISC, il miglior risultato di sempre in Italia e per un singolo sito nel Mediterraneo (photo by CIRO AMATA). Una specie rara e che viene osservata solo occasionalmente sul campo in Italia, Linosa è l’unico luogo in cui viene avvistata annualmente.

 

Yellow-Browed Warbler (Phylloscopus inornatus). Uno dei 30+ visti a Linosa nell’autunno 2017. Questa specie, precedentemente considerata accidentale in Italia, dal 2007 è stata registrata ogni anno, qualificandosi come scarsa ma migrante regolare.

Luì Forestiero (Phylloscopus inornatus). Uno dei 35-40 visti a Linosa nell’autunno 2017. Questa specie, precedentemente considerata accidentale in Italia, dal 2007 è stata registrata ogni anno, qualificandosi come scarsa ma migrante regolare; sull’isola si conta annualmente il numero maggiore di avvistamenti per il nostro paese e tra i più elevati del mediterraneo. (Foto Ciro Amata)

 

Olive-backed Pipit (Anthus hodgsoni). Uno dei 9 registrati a Linosa nell’autunno 2017. Questa specie, precedentemente considerata accidentale in Italia, dal 2007 è stata registrata ogni anno, qualificandosi come scarsa ma migrante regolare.

Prispolone Indiano (Anthus hodgsoni). Uno dei 9+ registrati a Linosa nell’autunno 2017. Questa specie, precedentemente considerata accidentale in Italia, viene oggi osservata regolarmente a Linosa dal MISC, con numeri sempre esigui ma comunque maggiori che in qualunque altro luogo in Italia e tra i più elevati per singolo sito nel Mediterraneo. (Foto Ciro Amata)

 

Andrea Corso osserva con il suo LEICA NOCTIVID 10x42 a Linosa (photo Raimondo Finati e Michele Viganò).

Andrea Corso osserva con il suo LEICA NOCTIVID 10×42 a Linosa (photo Raimondo Finati e Michele Viganò).

Andrea Corso osserva con il suo LEICA NOCTIVID 10x42 a Linosa (photo Raimondo Finati e Michele Viganò).

Andrea Corso osserva con il suo LEICA NOCTIVID 10×42 a Linosa (photo Raimondo Finati e Michele Viganò).

Ecco la descrizione del Nuovo Leica Noctivid 10×42 (esiste anche in 8×42), ritenuto oggi il miglior binocolo per il birdwatching al mondo ed utilizzato da Andrea Corso

http://www.forestitalia.com/leicabird/2016/09/09/ecco-i-nuovi-noctivid-8×42-e-10×42-i-migliori-binocoli-del-mondo/

noctivid_8x42_3d

Non è possibile lasciare nuovi commenti.