Magnus e ERi: affidabilità totale della torretta balistica BDC. Perché?

| 0 commenti

La torretta BDC (Ballistic Drop Compensator) è dotata di un robusto e intuitivo meccanismo di blocco/sblocco per evitare l’azionamento accidentale e si basa sul semplice principio per cui 1 clic = 1 cm a 100 metri. I suoi punti di forza sono quindi la semplicità d’uso e soprattutto la robustezza, che ne determina l’affidabilità superiore a quella di qualsiasi cannocchiale da caccia. Rimuovendo il coperchio infatti si scopre il sistema meccanico interno, basato su due ghiere dentate in acciaio che si incastrano l’una sull’altra, garantendo l’infallibilità del sistema. Facendo la stessa operazione sui prodotti concorrenti si nota il meccanismo molto più debole e quasi interamente in plastica. Stessa proporzione tra acciaio e plastica si incontra se andiamo ad analizzare la meccanica dei clic sottostanti le torrette balistiche dei Leica (interamente in metallo) rispetto ai concorrenti.

Vediamo come funziona la BDC: se tariamo la nostra arma a 200 metri, distanza sempre consigliabile per la sua versatilità, basta che conosciamo la tabella balistica del proiettile per ricavare immediatamente i clic da dare alla torretta, ricordando che se 1 clic=1 cm sul bersaglio a 100 metri di distanza, a 200 metri questo corrisponderà a 2 cm e così via. A 300 metri quindi, una palla che cala 21 cm dall’azzeramento dei 200 metri necessiterà di 7 clic (21cm di calo/3cm per ogni clic= 7 clic). Questo vale con qualsiasi ingrandimento del cannocchiale.

Il sistema BDC quindi è semplicissimo e anche molto preciso, in quanto consente di trasformare qualsiasi distanza in clic per la torretta,  senza dover mai ricorrere ad approssimazioni.

Ricordiamo che se si tira con angolo di sito cambia la tabella balistica del proiettile, che cala di meno. Se si possiede un telemetro di ultima generazione, come il CRF 1000-R o 1600-B di Leica oppure un binotelemetro, come il Geovid 42 HD-B, saranno gli strumenti stessi a calcolare la distanza corretta rispetto all’angolo di sito da convertire quindi in clic, e negli ultimi due casi addirittura a calcolare loro stessi il numero di clic in base a distanza e angolo di sito, permettendo al cacciatore di evitare di fare calcoli al momento del tiro.

torretta-clic-Magnus

Magnus-2_4-16x56-ASV-Detail

 

Lascia un commento